La cottura nel forno a legna

Cottura forno a legnaLe pietanze più classiche e forse le più immediate che vengono in mente quando si pensa alla cottura nel forno a legna sono la pizza ed il pane.
Certamente questi cibi sono perfetti per la cottura in un forno alimentato a legna, in quanto il loro profumo ed il loro aroma viene esaltato proprio da questa tipologia di cottura.
Non bisogna dimenticarsi però che il forno a legna consente di cuocere molte pietanze: verdure, arrosti, pasta al forno, dolci e molto altro!
Ciò che siamo soliti cuocere nel forno elettrico domestico, può cuocere anche nel forno a legna: ciò che cambia è l’alimentazione del forno (elettricità o legna), non i processi di cottura dei cibi.
Ogni tipo di cibo infatti, posto all’interno del forno, è sottoposto a riscaldamento fino al raggiungimento del grado ottimale di cottura a seconda del cibo e del gradimento.
Il riscaldamento del cibo avviene attraverso uno o più dei tre fenomeni fisici di conduzione del calore che sono: per convezione, per conduzione e per irraggiamento.

Vediamoli ora nei dettagli:

Cottura per convezione

Il cibo cuoce grazie alla presenza dell’aria calda interna alla camera di cottura.
Il moto convettivo alimentato dalla fiamma crea una naturale ventilazione all’interno del forno.
La temperatura si omogeneizza ed il cibo è avvolto dal calore per la cottura.
Il cibo in questo modo cuoce in modo molto simile a quanto avviene nei normali forni domestici, che sono in effetti, “camere di aria calda”.

Cottura per conduzione

Il cibo cuoce a contatto con la pietra refrattaria calda, ovvero la base del forno.
Per alcuni cibi, come la pizza, il pane, le focacce il contatto con il refrattario è perfetto per raggiungere il giusto grado di cottura del lievitato.
Questa cottura quindi diventa importante quando si pongono i cibi a diretto contatto con la superficie del forno.

Cottura per irraggiamento

La fiamma viva della legna dora con il suo intenso irraggiamento la superficie esterna del cibo.
Per la maggior parte delle pietanze, quindi non solo pizza, ma anche arrosti, verdure, patate, sformati la doratura esterna è il massimo del sapore.

Il forno a legna è adatto a cucinare una grandissima quantità di ricette diverse, occorre solo calibrare il giusto tempo di cottura e ventilazione: in questo forno può avere effetti un pochino diversi sulla cottura del cibo rispetto a al normale forno elettrico domestico cui siamo abituati.
Cosa fare quindi?
Cucinare! E vedrete che già dopo le prime pietanze sarete in grado di padroneggiare alla perfezione il vostro nuovo forno a legna.