Alcuni utili consigli sui barbecue a gas

ALCUNI UTILI CONSIGLI SUI BARBECUE A GAS

Uno dei momenti più belli da trascorrere con amici o parenti è quello di accendere un barbecue, all’aperto, in primavera e estate e concedersi una grigliata saporita, senza fumo, con tempi di cottura veloci e un risultato sempre perfetto.

Il barbecue a gas è un ottimo strumento a metà strada fra il barbecue elettrico e quello classico a carbonella, che si può usare in estate all’aperto per organizzare grigliate con gli amici.

Alla griglia si può cuocere davvero di tutto,  la carne, il pesce, le verdure, la pizza e persino la frutta.

Il grill a gas ha una forma rettangolare simile a un mobile con al di sopra i fuochi alimentati da gas con differenti misure in relazione al numero delle persone per cui si può cucinare.

E’ lo strumento ideale per cucinare negli spazi aperti, ma anche in balcone o veranda, o in giardino per avere maggiore spazio per muoversi, posizionare i cibi e cuocerli

Le soluzioni tra cui scegliere sono moltissime: dal barbecue classico con piastra sagomata o liscia, al barbecue con cottura ad infrarossi che vi consente di cuocere anche allo spiedo, al barbecue portatile dal minimo ingombro, ottimo anche per i camper.

Fondamentale, sia che si tratti di piccolo che di grande spazio, è prevedere una buona e corretta areazione per un uso in sicurezza del prodotto.

COM’E’ FATTO UN BBQ A GAS E COME FUNZIONA

La struttura portante è formata da una sorta di mobile rettangolare e sopra i fuochi in pietra lavica, materiale maggiormente utilizzato nei prodotti di questa tipologia, in quanto permette di cuocere i cibi con una temperatura sempre costante e di mantenere il calore, caratteristica intrinseca di questo materiale.

I cibi vengono messi al di sopra della pietra che in alcuni modelli comprende anche delle vere e proprie griglie. Nei modelli più professionali, nella parte sottostante è presente anche il forno.

I materiali principali dunque sono la pietra lavica, per la piastra di cottura, e l’acciaio inossidabile per le parti esterne.

La griglia è collocata su un supporto costituito da quattro piedi; alcune tipologie di barbecue sono provviste anche di ruote che permettono di trasportarli più facilmente, soprattutto se il luogo in cui andrete a posizionarlo per cucinare non è coperto e si ha la necessità di riporlo all’interno una volta terminato il suo uso.

I barbecue a gas sono dotati anche di parti laterali in cui è possibile posare i cibi, carne e verdure da cuocere, ma anche procedere alla preparazione prima di poggiarli sulla griglia.

La cottura risulta più veloce, non si riempie la casa di fumo, soprattutto se non si ha una cucina molto ampia, e il risultato finale è quello di avere dei cibi grigliati sani e in poco tempo.

È però importante ricordarsi che è possibile utilizzarlo esclusivamente all’esterno.

In commercio esistono modelli da giardino o da ‘campeggio’ dotati di due o più griglie in cui una griglia è collocata in modo che abbia il fuoco diretto. Una seconda risulta invece più lontana dal calore per diversificare le cotture, anche in base alla morbidezza e tempi di cottura dei cibi. Il modello con più griglie permette di diversificare anche la modalità di cottura: lenta o veloce in relazione alla posizione della fiamma diretta del piano di cottura, oltre alla possibilità di essere richiuse con un coperchio simulando l’effetto del forno.

ALCUNI UTILI CONSIGLI SUI BARBECUE A GAS

DOVE POSIZIONARE IL BBQ A GAS

Avendo una fiamma diretta sul cibo, per il suo uso deve essere posizionato all’esterno, su un balcone, in una veranda aperta, in giardino, esclusivamente dove ci sia uno spazio con sufficiente areazione e in spazi in cui il fumo non si dirige verso le altre abitazioni. 

Se desideri fare delle grigliate all’aperto ma abiti in condominio, è possibile acquistare un barbecue da balcone, rispettando il regolamento secondo cui l’emissione di fumi e odori deve rimanere nei limiti della tollerabilità.

È inoltre molto importante verificare preventivamente lo spazio in cui si andrà a cucinare in relazione alle dimensioni del barbecue. Questo infatti non deve essere posizionato vicino a pareti per evitare che la fiamma raggiunga il soffitto; deve essere distante da ringhiera di legno o di materiale facilmente infiammabile.

Considerate inoltre che i grassi e i fumi che fuoriescono durante la cottura di carne e pesce, ma anche di alcune verdure, potrebbero produrre delle fiammate improvvise e molto alte – pensate per esempio anche a una semplice folata di vento – dunque l’ideale è che il barbecue sia isolato da tutto durante la cucina dei cibi.

In ogni caso, anche se cucinate in uno spazio aperto, è consigliabile verificare che i piedi di supporto siano sufficientemente alti per non entrare in contatto con il terreno, evitando incendi, o meglio, posizionate l’intera struttura su un altro supporto per preservarlo meglio durante la fase di accensione delle griglie. Questo inconveniente potrebbe verificarsi nei modelli di barbecue da campeggio, soprattutto quelli smontabili, dotati di piedi più bassi per essere facilmente staccati o di ruote. È consigliabile scegliere in questo caso un modello con 4 ruote che si presenta maggiormente stabile e più semplice da spostare.

COME USARE AL MEGLIO IL BBQ A GAS

La cottura con il barbecue è piuttosto semplice, consiste nell’ appoggiare gli alimenti su una griglia e girarli dopo un po’ di tempo finché non sono cotti. Con qualche accorgimento in più, sarà possibile ottenere eccellenti risultati !

La carne e il pesce dovrebbero essere sempre marinati a freddo, ossia con ingredienti crudi. Una marinatura tipica è costituita da un’emulsione fra olio e altri ingredienti come vino, aceto o succo di limone. L’olio ha lo scopo di impedire che gli alimenti si attacchino alla griglia, mentre gli altri ingredienti servono a intenerirli e a insaporirli.

A piacere, si possono aggiungere alla marinatura aromi e spezie come l’aglio, il rosmarino, la salvia, il timo e così via. È buona norma lasciare la carne e il pesce nella marinatura per almeno mezz’ora, ma l’ideale sarebbe un’ora e più per gli alimenti a pezzi grandi. Inoltre, volendo, il recipiente contenente la marinatura insieme alla carne o al pesce si può riporre in frigorifero, purché si abbia l’accorgimento di chiuderlo e di rigirare la carne o il pesce di tanto in tanto.
Per quanto riguarda la carne, è anche utile eliminare il grasso prima della marinatura.

Se il recipiente con gli alimenti lasciati a marinare è stato messo in frigo, non bisogna passare direttamente alla griglia, ma è bene che la carne e il pesce siano lasciati riposare finché non raggiungono la temperatura ambiente. Il motivo di ciò è dovuto al fatto che una variazione sproporzionata di temperatura porta al rilascio eccessivo dei succhi naturalmente contenuti nella carne e nel pesce, che dunque risulterebbero stopposi.

I pezzi degli alimenti che si desiderano grigliare dovrebbero essere sempre di dimensioni simili. Se ciò non è possibile, sarebbe meglio appoggiare i pezzi più grandi in modo che siano più vicini al calore e viceversa. Le carni bianche come il petto di pollo andrebbero tenute in ogni caso lontane dal fuoco e spennellate spesso con la marinatura durante la cottura. È anche bene ricordare che non bisogna mai cuocere troppo la carne per evitare che si annerisca. Infatti, la carne bruciata rilascia sostanze cancerogene.

La griglia dev’essere perfettamente pulita e unta leggermente prima di appoggiarvi gli alimenti, per evitare che si attacchino. Inoltre, la griglia dev’essere sempre rovente. A fine cottura, la carne e il pesce andrebbero lasciati riposare per qualche minuto abbassando la temperatura del barbecue di qualche grado. Questa procedura consente agli alimenti di diventare più succosi rispetto a quando si consumano immediatamente.

Infine, è buona norma ricordare di salare i cibi grigliati solamente dopo la cottura. Se si gradisce, si può usare un tipo di sale aromatizzato alle erbe o con aglio, sedano, ecc. Per chi è vegetariano, è bene ricordare che anche le verdure e i formaggi a pasta dura possono essere grigliati con successo, purché non cotti per troppo tempo e tagliati a fette spesse.

ALCUNI UTILI CONSIGLI SUI BARBECUE A GAS

BBQ A GPL O METANO ?

Se da un lato la maggior parte dei modelli di BBQ sono predisposti per l’alimentazione a GPL (Gas Propano Liquido),  dall’altro sono ancora molto rari i barbecue a gas metano certificati.

Per quanto riguarda il barbecue a gpl, il combustibile è più costoso, ha una resa calorica migliore, non inquina (è considerato un combustibile amico della natura), grazie allo stoccaggio in bombole è possibile spostare o trasportare il barbecue. E’ preferibile tenere sempre una bombola di scorta, dal momento che può esaurirsi all’improvviso.

Il gas metano è invece più economico, ha una resa calorica inferiore, inquina di più (è considerato un gas serra), non è possibile spostare il barbecue, che deve essere allacciato alla rete del gas, non necessita di bombola del gas.

In commercio esistono alcuni kit che permettono di trasformare un normale barbecue a gas in un barbecue a metano, adattando i bruciatori ed alcuni altri elementi.  E’ necessario fare molta attenzioneoltre ad esser pericoloso, decade immediatamente la garanzia del costruttore!

PULIZIA E MANUTENZIONE DI UN BBQ A GAS

Sui barbecue a gas si può davvero grigliare di tutto! Ovviamente, prima di passare da un alimento all’altro, è bene effettuare una pulizia della griglia e del barbecue in generale, per evitare di mischiare sapori e odori che non vanno molto d’accordo.

Inoltre, pulire il barbecue dopo l’utilizzo ne garantisce una maggiore durata perché la griglia non si corrode nel tempo per via delle incrostazioni create dai depositi di grasso e altri residui di cibo. Per effettuare la pulizia della griglia dopo l’uso è necessario innanzitutto attendere che si raffreddi, altrimenti si rischia di scottarsi. Subito dopo, se i residui sono solidi, ossia se alla griglia restano attaccati pezzetti di cibo, si può utilizzare una spazzola apposita, con setole in acciaio.

Dopo aver eliminato tutti i residui, si può lavare la griglia con acqua calda e sapone. Sarebbe meglio non utilizzare detersivi troppo acidi o che facciano troppa schiuma perché la griglia va, ovviamente, risciacquata bene. Se la griglia è asportabile, si può lavare e risciacquare sotto il rubinetto.

Per quanto riguarda la manutenzione, il barbecue a gas va controllato periodicamente per avere la certezza che non ci siano perdite. Bisogna ispezionare le guarnizioni e il tubo che va dalla bombola al barbecue stesso, oppure, nel caso del barbecue attaccato al metano di casa, il tubo e i raccordi che fanno parte del collegamento. In particolare, i tubi flessibili non devono presentare piegature e devono apparire integri nell’aspetto. Se la gomma che costituisce il tubo dà l’impressione di essersi deteriorata (ad esempio causa esposizione al sole) oppure se presenta rigonfiamenti, è bene sostituire il tubo immediatamente. Lo stesso vale per le guarnizioni in gomma.

Riguardo ai raccordi, è buona norma verificare che siano avvitati correttamente e al punto giusto, senza però stringerli troppo. Nel momento in cui si dovesse cominciare a sentire odore di gas, è bene evitare di usare il barbecue e farlo controllare da un tecnico. Infatti, anche gli ugelli dei fuochi potrebbero usurarsi con il passare del tempo.

Nel caso dei barbecue che utilizzano le bombole di gas propano o GPL, la prima cosa da evitare è di lasciare la bombola al sole. Anche se le bombole per barbecue sono costruite per resistere alle alte temperature, questa è una precauzione che è bene prendere in ogni caso. Infine, sarebbe sempre meglio sostituire la bombola prima che si esaurisca del tutto e ricordarsi di controllarla periodicamente e sostituirla immediatamente nel caso in cui si dovessero riscontrare anomalie anche quando all’apparenza sono insignificanti.

ALCUNI UTILI CONSIGLI SUI BARBECUE A GAS

GLI ACCESSORI

Quali sono gli accessori indispensabili per un barbecue a gas? Questo è un argomento che meriterebbe un capitolo a parte, qui ci limitiamo ad evidenziare quali sono gli accessori che realmente accrescono il valore del barbecue e che regalano un esperienza d’uso migliore:

·                     termometro

·                     Posate e accessori

·                     girarrosto

·                     Piastre e griglie

·                     Prodotti e accessori per la pulizia e manutenzione

·                     Teli di copertura

Vai sul sito www.mollostore.it, troverai  una vastissima gamma di accessori che completano il tuo barbecue a gas rendendolo unico come piace a te.

Enjoy yourself!